Expo Milano 2015: International Ideas Competition for the design of public spaces and meeting places

Expo Milano 2015 presenta il Concorso Internazionale d’Idee “Architetture di Servizio: principi di sostenibilità per un’architettura a tempo”, chiamando architetti e creativi di tutto il mondo ad interpretare responsabilmente il tema centrale della manifestazione “Nutrire il Pianeta. Energia per la vita”, attraverso la progettazione degli spazi di aggregazione dedicati ai visitatori e ai partecipanti al grande evento.
Il Concorso Internazionale d’Idee raccoglierà idee e spunti progettuali per i 67.000 mq complessivi di superfici che ospiteranno ristoranti, spazi commerciali, servizi per i visitatori e i partecipanti, da cui prenderà poi spunto la progettazione preliminare, esecutiva e definitiva.
Il Concorso rappresenta uno dei primi, significativi atti pubblici di Expo Milano 2015, che si fa promotore di un nuovo modello di architettura, capace di immaginare modalità diverse e consapevoli di costruire lo spazio pubblico seguendo criteri di sostenibilità diffusa, incentrata sulla qualità degli spazi a servizio della vita quotidiana di chiunque li attraverserà, li abiterà e vi lavorerà.
Oggetto del Concorso sono tre diverse tipologie di edifici, che raccolgono l’ampia offerta di servizi ai visitatori prevista dal masterplan di Expo Milano 2015, immaginato come un grande, straordinario spazio comunitario, luogo d’incontro e scambio di saperi ed esperienze.
Nel particolare il concorso interessa: 14 edifici di grandi dimensioni o “stecche”, disposti perpendicolarmente al percorso centrale del sito, che raccoglieranno ristoranti, spazi commerciali, servizi ai visitatori, servizi ai partecipanti, sicurezza, logistica, magazzini e locali tecnici; 12 bar che insieme ai servizi igienici costituiscono le unità di servizio, uniformemente distribuite sul sito; 16 strutture di piccole dimensioni, di cui  10 chioschi per la ristorazione veloce collocati in prossimità del percorso perimetrale lungo il canale, e 6 Infopoint nelle aree verdi.
I partecipanti al Concorso dovranno presentare, entro il 24 febbraio 2012, una strategia complessiva per tutte le Architetture di Servizio, arrivando ad approfondire la proposta ideativa per un edificio di grandi dimensioni e per lo spazio pubblico di sua pertinenza, per un edificio di medie dimensioni, e per un edificio di piccole dimensioni dedicato a un Infopoint. Tutti gli edifici dovranno essere pensati come strutture temporanee, destinate a essere utilizzate esclusivamente per il periodo di durata dell’evento (1 Maggio – 31 Ottobre 2015) per poi essere smantellate e riutilizzate o riciclate.
Con questa iniziativa Expo Milano 2015 pone le basi per diventare un vero e proprio laboratorio per la sostenibilità, che chiama a raccolta creativi e progettisti di tutto il mondo invitandoli a proporre idee giovani e innovative che potranno lasciare il segno in un Evento destinato ad essere una tappa fondamentale per lo sviluppo della città e per il dibattito internazionale sui temi della qualità architettonica e della sostenibilità ambientale.
I criteri di sostenibilità architettonica che stanno alla base del Concorso si fondano sulla duplice idea di qualità diffusa degli edifici e sulla loro sostenibilità sociale (rivolta a tutti, accessibile e sperimentabile nelle esigenze quotidiane), estetica (attraverso luoghi capaci di stimolare esperienze sensoriali soddisfacenti ed uniche) tecnica (che coinvolge l’intero ciclo di vita dell’edificio, dal cantiere al recupero dei materiali fino allo smantellamento), e su una razionale sostenibilità energetica e tecnologica (edifici capaci di produrre energia autonomamente e di metterla in rete al servizio della comunità; risparmio delle acque, microclima interni, qualità sonora, tattile e olfattiva degli spazi).
“Guardiamo all’Expo come a un laboratorio sociale, culturale e progettuale unico al mondo – ha dichiarato Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di Expo Milano 2015 – un luogo in cui dare risposte, indicare strade possibili a una crescita sostenibile, consapevole e armonica per i tempi che verranno. Il Concorso Internazionale d’Idee rappresenta un’opportunità unica per Milano e per l’intero Paese, poiché chiama e coinvolge progettisti, creativi, tecnici e imprese in questo straordinario progetto che vuole far emergere le eccellenze di ciascun settore, raccogliendo il contributo di tutti. E’ una sfida degna del XXI secolo: definire un’architettura nuova, tematica, adatta ai tempi, capace di essere sobria e generosa con l’ambiente, e di mettere al centro del progetto il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.”