NATIONAL ITALIAN DESIGN 2014 | 8 July to 7 September 2014 | Milan Triennale

Nazionale-Italiana-Design

11 creativi under 35 scesi in campo per rappresentare l’Italia nel mondo dell’arredo, del design e della comunicazione. Una mostra alla Triennale presenta l’esito di questo lavoro.

La Nazionale Italiana Design, quest’anno guidata da Andrea Maragno (JoeVelluto) e Claudio Larcher (Modoloco), scende in campo per rappresentare l’italianità nel mondo dell’arredo, del design e della comunicazione. Da sempre i Mondiali trasformano le case degli italiani, per questo 11 creativi under 35 realizzeranno prodotti che interpretano le mutazioni abitative e umane che si manifestano durante i Mondiali.
Il risultato di questo lavoro, arbitrato dal direttore del Triennale Design Museum Silvana Annicchiarico, sarà in mostra dall’8 luglio al 7 settembre presso La Triennale di Milano.

Allenatori: Andrea Maragno (JoeVelluto) e Claudio Larcher (Modoloco) con l’arbitraggio di Silvana Annicchiarico.

La Squadra: Sovrappensiero, Zaven, Simone Simonelli, Daniele Bortotto, Giorgio Biscaro, Alessandro Gnocchi, Gianluca Seta,Tankboys, Matteo Zorzenoni, Happycentro e Filippo Protasoni.

Sponsor e Aziende: Bosa, Black Tie, Corraini edizioni, DesignBottega, Design MOOD, EcoZema, Lineabeta, Pitti Immagine, Rosso Ciliegia, Wahhworks, WP

Nazionale Italiana Design è un progetto di JVLT (JoeVelluto).

NAZIONALE ITALIANA DESIGN 2014
#nazionaledesign
8 luglio – 7 settembre 2014
Triennale di Milano
Orari
martedì-domenica 10.30-20.30
giovedì 10.30-23.00

Progetti:

BOB
Sovrappensiero
BOB (Bug-out-bag) è una 24h con un kit di emergenza per i mondiali con all’interno tutto il necessario per l’atmosfera e il tifo giusto per la partita: birra, bandierina e radiolina. L’oggetto è pensato per essere utilizzato in casa, appeso come un estintore o per essere trasportato in giro per prevenire situazioni di emergenza.

MESSA IN ONDA
Zaven + Bottin
In “messa in onda”, la diretta della partita dei mondiali di calcio si rivela come una cerimonia religiosa a cui tutti o quasi partecipano a distanza, ma vicinissimi al televisore. Nell’installazione il tracciato del campo da calcio diventa la facciata di un tempio, una cattedrale, un luogo di culto non meglio precisato. La voce salmodiante di Bruno Pizzul, moltiplicata da echi e riverberi, celebra il rito di passaggio della palla.

ORACOLO
Simone Simonelli
Tavolino con radiolina integrata, per i fedelissimi del “Calcio Minuto per Minuto”.

PIZZA MAXI
Daniele Bortotto
Gustarsi una pizza maxi con gli amici è spesso il modo migliore per allentare la tensione da partita dei mondiali. Questo oggetto diventa lo strumento ideale per servire la pizza e condividerla; il piano del tavolino è un comodo vassoio, una volta alloggiato nella struttura ognuno può tagliare il proprio trancio con gli accessori disegnati ad hoc, e gustarselo in attesa di un gol.

ORONZO
Giorgio Biscaro
Il pouf Oronzo ironizza sulle dinamiche quasi liturgiche che accompagnano i calci di rigore degli incontri calcistici. E’ possibile sedervisi come su un normale pouf, ma in caso di necessità scaramantiche è possibile utilizzarlo anche come inginocchiatoio per implorare le divinità di assistere benevolmente la propria squadra. Il nome è un esplicito omaggio a Oronzo Canà, allenatore della leggendaria Longobarda negli anni ’80.

PAVESINO
Alessandro Gnocchi
Bibite ghiacciate, divano, tv… notti magiche. La ricorrenza canicolare del mondiale di calcio solleva gli animi e scalda gli umori. Pavesino è un ventaglio in carta, per rincuorare e raffreddare gli eccessi emotivi provocati dalla nazionale Italiana durante gli imminenti mondiali di calcio 2014.

BESTIARIO
Gianluca Seta
Quando fischia l’inizio tutto cambia. Ogni partita dell’Italia è una battaglia e la tensione e la speranza di andare avanti verso la finale stringono la gola, …e forse pure troppo… perché ad un certo punto deve iniziare a non passare più ossigeno nel cervello e la creatività dell’insulto e della bestemmia si accende creando dei personaggi mostruosi o delle immagini di una tale volgarità e offesa che assumono una loro particolare estetica. Il mondiale e il calcio ha anche sfornato delle ingiurie che neanche la politica ha potuto… e questo è davvero tutto dire. Grazie dio del pallone…

OPS, WRONG, REFEREE
Tankboys
Chi meglio di un arbitro, durante una partita di calcio, può essere usato come “capro espiatorio”, a cui viene attribuita tutta la responsabilità di errori altrui o di eventi negativi casuali, dovendo poi subire ingiustamente le conseguenze?

SELEÇÃO
Matteo Zorzenoni
Seleção è una collezione di 11 vasi in ceramica che rappresenta una immaginaria squadra di calcio composta da calciatori provenienti da tutto il mondo._Tutti i vasi hanno la stessa silhouette, ma grazie alla grafica delle “divise” si trasformano in “personaggi” con una propria identità.

FINGER SOCCER
Happycentro
Quello che ci piace del calcio è il gioco, nel senso che è la dimensione ludica che ci interessa di più. C’entrano poco o nulla quindi le squadre, gli atleti, gli schemi, gli arbitri, i sorteggi, le classifiche, il tifo e la Domenica Sportiva. Il calcio che non smette di divertirci è quello che si pratica tra amici, quello della ghiaia, quello delle porte fatte con gli zaini, quello del “sopra la traversa” (quale?), quello a porta unica, quello con portieri volanti, quello del Super Tele, quello giocato con qualsiasi cosa, anche una pallina di carta e le dita.

GALILEO
Filippo Protasoni
Ho immaginato un “tifoso-eremita”, uno di quei tipi che segue le partite in religioso silenzio, solitario e concentrato come se a giocare fosse lui. L’ho immaginato appartarsi in una spiaggia tranquilla sfruttando lo streaming dal cellulare, magari per allontanarsi dal caos di lettini ed ombrelloni cui la moglie lo ha costretto. Galileo è un kit in 3 pezzi, realizzati in legno, da montare. Una volta assemblato si inserisce nella sabbia a mo’ di ombrellone: ad un estremo alloggia uno smartphone, dall’altra una lente di Fresnel, che ingrandisce l’immagine fino al livello di un piccolo televisore. Per veri tifosi eremiti!